Condotte di drenaggio

Un anello di sicurezza attorno alla vostra casa
La manutenzione delle condotte di drenaggio contribuisce a conservare il valore della vostra casa più a lungo.

Le condotte di drenaggio consentono l'evacuazione delle acque di un immobile e in un certo modo formano un anello di sicurezza attorno alla casa.

L'acqua piovana si infiltra nelle condotte di drenaggio attraverso piccoli fori – e viene in questo modo condotta alle canalizzazioni. Questo semplice sistema mantiene l'umidità lontana dalla casa e impedisce inondazioni.

Tuttavia, le condotte di drenaggio vanno sottoposte a manutenzione a intervalli regolari, poiché i loro fori si ostruiscono facilmente. Calcare, fango (in caso di poca pendenza) e crescita di radici rientrano nella norma tra i colpevoli.
A seconda della conformazione del terreno e dell'ubicazione dell'immobile, le condotte di drenaggio e per le acque meteoriche andrebbero pulite a fondo perlomeno una volta all'anno o ogni due-tre anni.

Nelle nuove costruzioni è particolarmente opportuno sottoporre i tubi a una manutenzione a intervalli regolari, in quanto il terreno è ancora dinamico. (Attenzione all'ultimazione dei lavori in una casa: non dimenticate la pulizia finale.)

Misure contro terreni umidi

Condotte di drenaggio intasate riducono la conservazione del valore di un immobile. Se l'acqua piovana non riesce più ad entrare nei tubi, il livello delle acque sotterranee si innalza e l'acqua del terreno che così ristagna provoca alla lunga pareti umide e, in inverno, maggiori spese di riscaldamento.

Se questa situazione perdura, può formarsi della muffa arrivando addirittura a intaccare la vera e propria struttura della casa.

Chi si prende cura e non trascura la manutenzione della propria casa – sistema di drenaggio incluso – prolunga la vita utile dell'edificio e, nel lungo termine, risparmia denaro.
Tra le condotte delle acque meteoriche rientrano tutti i tubi di scolo in cui confluisce l'acqua piovana – come ad esempio le condotte dell'acqua piovana, gli scarichi di terrazze, le condotte di drenaggio, di scarico e i drenaggi speciali. Le condotte delle acque meteoriche sfociano nei collettori di fanghi, da dove l'acqua poi scorre nelle canalizzazioni dell'acqua piovana pubbliche. (Nell'immagine: ingresso calcificato di un collettore di fanghi)

Radici distruttive

I depositi di calcare e fango o anche le radici possono ostruire le condotte a tal punto che già il temporale successivo può comportare effetti drammatici. Infatti, un simile scenario implica quasi sempre un'innondazione: l'acqua distrugge gli amati mobili, l'album delle fotografie di famiglia, i preziosi tappeti.

Si consiglia, dunque, di prestare particolare attenzione alla manutenzione delle condotte delle acque meteoriche.
Crescita di radici in una condotta delle acque meteoriche: le radici possono provocare gravi danni al sistema di evacuazione delle acque. L'immagine mostra radici lunghe diversi metri che sono state trasportate alla luce del giorno attraverso un collettore di fanghi (pozzo). Per rimuovere le radici sono stati impiegati, tra l'altro, trinciaradici e ugelli a catena.

Dopodiché, RohrMax ha risciacquato in profondità il tubo con alta pressione.

L'ispezione televisiva delle canalizzazioni realizzata successivamente ha mostrato che il tubo in PVC (dal diametro di 150 mm) era danneggiato. Le radici si erano estese per una lunghezza di oltre 28 metri all'interno del tubo. Era ovvio che la condotta delle acque meteoriche in queste condizioni – oltre al danno caro – non potevano più svolgere la propria funzione di evacuazione delle acque.

Canali di scolo

I canali di scolo funzionano analogamente alle condotte di drenaggio, con la differenza che si trovano a un massimo di 30 centimetri di profondità nel terreno e garantiscono l'evacuazione delle acque in piazze. Un esempio possono essere i sistemi di evacuazione delle acque nei campi da calcio.

Drenaggio speciale

Questo tipo di drenaggio regola il livello delle acque sotterranee in presenza di elevata pressione dell'acqua nei pendii. L'acqua sgorga verso l'alto attraverso piccoli fori nella parte inferiore del tubo, che nella parte superiore è invece chiuso.